Il re dei dolciumi di un tempo: i duri di menta

duri

Chiunque abbia superato gli anta, conosce sicuramente i Duri di Menta, uno dei dolciumi più amati dai bambini di qualche anno fa, che non mancava mai sulle bancarelle dei mercati o delle sagre, insieme al croccante, le stringhe di liquirizia, i brigidini, ecc….

Il duro di menta è conosciuto in tutta la Toscana e pare che spetti a Livorno la paternità di questo dolciume molto in voga negli anni passati e da Livorno  arriva questa “Ode al Duro”:

” … la consistenza marmorea del chicco, o duro di menta, ne prolungava il godimento a vecchi e a bambini in un lento e rituale ciucciare ornato di bave e di impiastricciamenti della bazza nonché d’appiccicarsi delle dita, prestamente nettate sul davanti degli indumenti festivi: atti riprovevoli contestati dai genitori ai più piccini con la somministrazione di uno ‘scappellotto’ sulla nuca accompagnati da affettuosi appellativi e moniti quali ‘lezzo’ e ‘troiaio’ …”

A Siena erano di facile reperimento e ricordo che la mia fornitrice preferita era quell’anziana signora che stazionava con il suo banchetto davanti all’Hotel Excelsior; aveva di tutto comprese le noccioline, i semi e i lupini. Oggi si trova ancora nelle sagre e nei mercatini, soprattutto nel periodo invernale. Ecco la ricetta.

Versiamo lo zucchero in un tegame adeguato aggiungendo una tazza da tè di acqua. Mescoliamo energicamente e poniamo il tegame sul fuoco tenendo la fiamma bassa e girando lo zucchero con un cucchiaio di legno. Dopo pochi minuti lo zucchero si trasformerà in un composto piuttosto denso mantenendo, però, una giusta plasticità.  A questo punto uniamo l’essenza di menta, che in commercio si trova facilmente ed ha un bel colore verde, mescoliamo fino a quando non si sarà completamente amalgamata e rovesciamo il composto su un tavolo di marmo ben oliato. Preleviamo dal composto tanti pezzi da cui ricaveremo, arrotolandoli sul piano di marmo, dei lunghi cilindri di circa 1 cm di diametro.  Aiutandoci con un coltello, taglieremo i nostri duri che lasceremo raffreddare e rassodare prima di consumarli.

Ingredienti

400 gr di zucchero

olio extravergine d’oliva

una tazza da tè di acqua

essenza di menta

0 comments on “Il re dei dolciumi di un tempo: i duri di mentaAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *