Gli gnoccoloni : una tipica ricetta senese

Gnoccoloni

Gli Gnoccoloni è una delle ricette senesi meno conosciute, ma degna di essere riproposta. La storia di questa ricetta parte da molto lontano e, anche se per l’economicità degli ingredienti sembrerà strano, era considerato un piatto dei giorni di festa, quelli più importanti. C’è chi sostiene che sia originaria della Maremma, chi della Val d’Orcia, altri dell’Amiata, di sicuro c’è che fino alla metà del secolo scorso era una delle ricette senesi più diffuse e veniva preparato in molte famiglie, soprattutto delle campagne che circondano la nostra città. Abbastanza curioso anche il nome che a Siena viene usato, solitamente, per definire una persona non troppo “sveglia”, uno….. gnoccolone. Veniamo alla preparazione.

Lessiamo le patate e, appena cotte, ne ricaveremo una purea passandole nello schiacciapatate. Uniamo alle patate la ricotta, le uova, un etto di pecorino senese secco, un pizzico di pepe nero macinato, la noce moscata e aggiustiamo di sale. Mescoliamo energicamente aiutandosi con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo e ben amalgamato. Mettiamo a bollire in una pentola dell’acqua salata e nell’attesa preleviamo delle aliquote di impasto che lavoreremo con il palmo delle mani fino ad ottenere tante palline della grandezza di una noce che passeremo leggermente nella farina. Quando l’acqua inizia a bollire immergiamo gli gnoccoloni, un po’ alla volta, scolandoli quasi immediatamente. Sarà sufficiente appena un minuto di cottura. Disponiamoli su un piatto di portata e irroriamo il tutto con del burro fuso aromatizzato con foglie di salvia (http://it.wikipedia.org/wiki/Salvia). Una generosa spolverata di pecorino senese secco e gli gnoccoloni saranno pronti per essere gustati.

Ingredienti

½ kg di patate a pasta gialla o rossa

350 gr di ricotta

150 gr di pecorino senese stagionato

100 gr di burro

2 uova

un paio di ciocche di salvia

Farina q.b.

Noce moscata q.b.

Sale e pepe q.b.

0 comments on “Gli gnoccoloni : una tipica ricetta seneseAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *